KICKBOXING: mental training

Nelle giornate di sabato 2 e domenica 3 marzo, il maestro Antonio Pellizzato ha organizzato uno stage molto importante ed interessante sull’allenamento dell’aspetto psicologico: il c.d. Mental Training.

Relatore del corso, lo psicologo e psicoterapeuta, cintura nera 2′ San, Marco Geromel.

Lo stage è stato organizzato per rendere i ragazzi consapevoli che l’allenamento della mente è fondamentale per ottenere buoni risultati. L’atleta infatti è un sistema integrato tra mente e corpo e le due componenti interagiscono e si modulano reciprocamente.

Attraverso l’esercizio mentale e l’utilizzo delle tecniche a esso collegate, l’atleta può crescere la conoscenza di sé, diventare più consapevole delle proprie risorse e migliorare il proprio livello di autostima.

Alternando parti teoriche con il dibattito e il confronto tra gli atleti, gli istruttori e lo psicologo, oltre a esercizi pratici esplicativi, hanno toccato argomenti molto interessanti, quali:

– il goal setting, ossia il porsi e come porsi degli obiettivi raggiungibili

– l’imagery, ossia la visualizzazione del combattimento e le possibili tecniche da adottare

– il self-talk, ossia parlare con se stessi per aumentare l’auto convincimento

– la gestione dell’ansia e dello stress nell’ambito di gara

Gli incontri hanno suscitato vivo interesse tra i ragazzi che hanno partecipato e anche tra gli istruttori che spesso tralasciano di allenare anche l’aspetto psicologico. È stato uno spunto utile per poter migliorare le tecniche di allenamento e cercare sempre di ottenere il meglio.

Scritto da Giulia Sartor.